Sirmione, l’incanto medievale sul Lago di Garda

Sirmione si apre come un piccolo scrigno inaspettato lungo la costa meridionale del Lago di Garda. Appena dopo Desenzano, seguendo la costa, ci si imbatte in un delizioso borgo medievale letteralmente a picco sul Lago di Garda, tanto da esserne completamente circondato a est, ovest e nord.

La bellezza di Sirmione risiede anche nella sua inaspettata comparsa nel bel mezzo di una regione continentale come la Lombardia, offrendo un contesto molto più simile ad una località marina rispetto a qualunque altro centro abitato della regione. Così, ai bordi di un lago tanto vasto da apparire mare, con le magnifiche Alpi all’orizzonte, riecco affacciarsi barche e traghetti, navi e pedalò. I lidi ed i bagnanti non mancano. Non vi è una vera e propria spiaggia, ma le coste ciottolose sono frequentate da numerosi turisti e persone del posto che eleggono il lago a meta estiva, come le immagini del video in basso possono testimoniare. Veri e propri lidi si fanno spazio perciò lungo la costa, con cabine e ombrelloni, assieme a tratti di “spiaggia libera”. Peculiarità del borgo è poi la sua rilevanza storica con le bellezze che la Storia vi ha lasciato.

In primis, all’ingresso della città vecchia possiamo ammirare il bellissimo Castello Scaligero, realizzato tra il XII e il XIII secolo probabilmente al posto di rovine romane. Risulta perfettamente conservato tanto da poterne ammirare l’intero perimetro, il fossato circondato dall’acqua, tutte le torri merlate e la magnifica darsena. L’interno del Castello è visitabile previo pagamento di un modico biglietto. All’interno vi è adibito anche un museo romano-medievale ed è possibile salire fin sulla cima della torre più alta.

Il borgo medievale presenta tante caratteristiche viuzze in cui è possibile gustare ottimi caffè o gelati, mangiare buonissima frutta fresca o acquistare souvenir.

Poco distante dal borgo, si possono visitare i resti romani delle Grotte di Catullo. Non si tratta, in questo caso, del concetto carsico di grotta, quindi non aspettatevi di visitare cavità nella terra con stalattiti e stalagmiti, ma le Grotte di Catullo sono invece i resti di una grande villa di epoca romana, la più grande ritrovata ad oggi nell’Italia Settentrionale e riportata completamente alla luce in più spedizioni tra l’Ottocento e i primi decenni del Novecento. Le sue origini risalgono al I secolo dopo Cristo. Portici, rampe e resti di costruzione sono visitabili acquistando l’apposito biglietto ed anche qui viene ospitato un museo.

Ciò che si apprezza di Sirmione è poi la bellezza dei colori del lago riflesso dai raggi del Sole, un verde smeraldo particolarmente luccicante quando il Sole vi batte direttamente nelle prime ore del pomeriggio e le splendide sfumature del tramonto.

Una meta assolutamente da non perdere se vi trovate in Lombardia, perché ritroverete in un sol colpo la briosità tipica delle località costiere, nonché la solennità e la bellezza di un borgo medievale e di un castello unico nel suo genere.

Rispondi