Viaggio culturale e artistico alla scoperta di Rimini

Non solo mare e divertimento, ma anche un patrimonio artistico di inestimabile bellezza e valore.

Il cuore della città e i borghi antichi in provincia di di Rimini custodiscono importanti testimonianze storiche.

L’Arco d’Augusto, risalente al XXVII secolo a.C., è il monumento simbolo del centro storico di Rimini; circondato da un ampio giardino e attraversato da un percorso che porta al lungo viale pedonale, il Corso d’Augusto, è stato isolato nel 1935 abbattendo gli edifici che lo affiancavano per attribuirgli un aspetto di maggior prestigio.
Percorrendo il Corso si raggiunge Piazza Tre Martiri, la più grande di Rimini, così chiamata per onorare tre partigiani caduti nel 1944. Sul lato destro della piazza si erge la Torre dell’Orologio, costruita nella prima metà del ‘500, alla cui base è presente il Monumento ai Caduti. Il grande sole rinascimentale rappresentato nella pavimentazione al centro della piazza simboleggia l’incrocio tra il centro della piazza e l’ombelico della città.
Da Piazza Tre Martiri si può procedere verso sinistra, dove la via viene delimitata dalla Porta Montanara, recentemente ricostruita utilizzando i materiali originali e qui collocata. Subito di fronte alla porta si trova la Chiesa di San Gaudenzo, separata da una strada.
Imboccando invece la via a destra di Piazza Tre Martiri si raggiunge in pochi passi il Duomo di Rimini, conosciuto anche come Tempio Malatestiano. L’edificio era in realtà la chiesa romanico-gotica di S. Francesco, poi trasformato in monumento rinascimentale per volere di Sigismondo Pandolfo Malatesta. L’esterno della struttura è stato realizzato dal grande artista Leon Battista Alberto; all’interno sono invece custodite due importantissime opere artistiche, ossia il trecentesco crocifisso di Giotto e la raffigurazione di Sigismondo affrescata da Piero della Francesca.
La seconda piazza più importante Rimini è Piazza Cavour, delimitata da antichi palazzi medioevali come il Palazzo dell’Arengo e dal Teatro Galli. Sul lato sinistro della piazza è collocata la fontana della Pigna dotata di 15 cannelle d’acqua.
Dalla Piazza Cavour si raggiunge la Vecchia Pescheria, risalente al ‘700, dove sono ancora presenti gli originali banconi di pietra e le fontane utilizzate per la pulizia del pesce. Ora questa zona si è trasformata in un rinomato punto d’incontro serale per i giovani, grazie ai numerosi locali che si concentrano nelle vie interne.
Per quanto riguarda i musei, a Rimini è presente il Museo della Città che espone testimonianze storiche di grandissimo valore; sono presenti ad esempio mosaici, reperti archeologici e monete risalenti all’epoca romana.
A Castel Sismondo vengono periodicamente organizzate mostre ed eventi artistici e culturali di rilevanza internazionale.
Per una visita archeologica è invece aperta al pubblico la Domus del Chirurgo, un antico studio medico visitabile dal 2008 in Piazza Ferrari.

 

Rispondi