Alla scoperta delle grotte salentine

La lunga costa salentina è ricca di particolarità, essa infatti è caratterizzata sul versante adriatico da scogli e calette, mentre sul versante ionico da isolotti e spiagge. Una possibilità di scelta che contribuisce a rendere unica questa terra, adattandosi al meglio alle esigenze di ognuno. Da chi preferisce il relax della spiaggia a chi invece ama gli emozionanti tuffi dagli scogli.

Se per la vostra prossima vacanza avete optato per un Bed & Breakfast economico e confortevole a Otranto (per informazioni www.olimpobb.it), vi consiglio di visitare la costa salentina e le numerose grotte che si aprono lungo i suoi contorni. Ricche di fascino e storia vi regaleranno delle giornate estremamente suggestive ed interessanti.

Il modo ideale per vederle è ovviamente tramite un’escursione in barca. A questo proposito potete rivolgervi a coloro che, lungo la costa, noleggiano piccole imbarcazioni anche senza patente, oppure organizzarvi con altre persone e prendere parte alle tante escursioni guidate che vengono organizzate quotidianamente nel periodo estivo.

Tra le grotte da non perdere, vi segnaliamo la Grotta Zinzulusa a Santa Cesarea Terme

Questa grotta dal nome particolare, viene chiamata così poiché al suo interno sono presenti molte formazioni carsiche, come le stalattiti, che sono sospese in aria, pendendo dal soffitto.

La loro forma fa pensare a degli stracci appesi e nel dialetto locale il termine “zinzulo” vuole dire appunto “straccio”. Il suo interno è ricco di acque sorgive, molto limpide e fredde. Viene divisa in tre zone: l’ingresso, la cripta e il fondo.

 

Rispondi