La rinascita di Amburgo (Germania)

Amburgo, storica città a nord della Germania, sorge sulle rive del fiume Elba ed attraversata da moltissimi canali detti “fleete”. Seconda città tedesca, ha “numeri” da capitale, contando più di un milione e settecento mila abitanti. Il cuore della città è costituito dall’Hamburg-Mitte.

Il peso della Seconda Guerra Mondiale è qui più tangibile che altrove, Amburgo venne infatti distrutta quasi interamente da una “pioggia di fuoco” causata da un raid aereo il 28 luglio 1943, portando all’uccisione di cinquantamila persone e alla distruzione dell’intero centro storico medievale. Ciò che può impressionare al riguardo, è il campanile della Chiesa di San Nicola – unica parte sopravvissuta dell’intera Chiesa durante la pioggia di fuoco – oggi stoicamente presente tra i grandi palazzi, a far da monito per le future generazioni.

Dopo la riunificazione della Germania, la città è completamente rinata, grazie al forte impulso dell’economia e del proprio porto. Il vecchio porto (Speicherstadt) è proprio una delle aree caratteristiche da visitare, con le caratteristiche case rossicce attraversate da ponti e canali. Altri luoghi caratteristici sono l’Elbchaussee e l’Hamburg-Blankenese, due quartieri in cui le antiche case dei pescatori oggi sono state ristrutturate e sono pronte a far bella mostra di sé. Da vedere anche il Planetarium, il Ponte sull’Elba, la Piazza del Municipio ed il ricchissimo Museo di Arte Moderna. Famosissima anche la Reeperbahn, celebre via a luci rosse e nei cui locali si esibirono nientemeno che i Beatles, agli esordi di carriera.

Il video proposto in basso vi farà viaggiare per dieci minuti tra le vie di Amburgo, tornata oggi all’antico splendore.

Rispondi