Catania, tra turismo e tradizioni

Catania rappresenta l’essenza della sicilianità e del suo modo di essere, una continua commistione tra una profonda tradizione radicatasi nei secoli e l’esigenza di rinnovamento con l’apertura al turismo, la cura degli splendidi monumenti del centro storico e delle marine nei dintorni.

Nel video qui proposto, vedremo un mix dei due aspetti, la grandiosità dei monumenti sia di giorno che di notte, gli stabilimenti balneari, ma anche la tradizione come il mercato del pesce (la “pescheria”) e i chioschi. Lo stesso Etna è ben visibile dalla città, sovrano dei cieli catanesi.

Tantissime le chiese di rilevanza storica ed artistica a cominciare dal Duomo di Sant’Agata, passando per il Santuario della Madonna del Carmine e della particolarissima Santa Maria di Betlemme. Non da meno sono i palazzi e la celebre “Fontana dell’Elefante“.

La vita notturna è particolarmente attiva, soprattutto nei pressi del cosiddetto “borgo”, che comprende Piazza Cavour e dintorni, ed in generale il centro storico (Piazza Duomo, Piazza Teatro Massimo). Molti i locali per il divertimento e l’intrattenimento.

Tipica tradizione estiva è quella dei “caffè concerto“: veri e propri piccoli spettacoli all’aperto che si tengono nei pressi dei bar e delle attività commerciali serali. Tale usanza è stata importata da Napoli nel XIX secolo e, dopo essere stata messa da parte per qualche decennio, è rinata a partire dalla metà degli Anni Novanta.

Rispondi